Insegnando si impara

Maturità 2011: istruzioni per l’uso

Posted on: 18 giugno 2011

Il giorno più temuto dagli studenti che quest’anno affronteranno l’esame di maturità è il 22 giugno ore 8.30.

Si inizia, come sempre, con la prima prova scritta, il tema di italiano.

Attenti ai ritardi: essere puntuali all’appello è già una prova di “maturità”. In nessun caso, comunque, è permesso l’ingresso in aula dopo l’apertura delle buste e l’inizio della prova. Quanto conta l’aspetto e la forma? Ben poco, ma dispone bene l’insegnante. Non è certo la cosa più importante dell’esame, ma venire vestiti in modo adeguato, non guasta di certo. Portate con voi un documento di identità valido e il vocabolario d’italiano. Ricordate di consegnare i cartacei delle tesine se li avete; l’argomento di inizio del colloquio va comunque comunicato alla Commissione. Lasciate a casa telefoni cellulari o qualsiasi altra diavoleria elettronica che eventualmente dovrete dare in custodia alla Commissione Esaminatrice. Evitate anche di usate l’orologio bigliettino. Se venite beccati, il vostro esame finisce qui. Non usate mai fogli che non siano quelli distribuiti dalla commissione, con il bollo della scuola e la sigla del presidente o di un suo delegato. Si possono chiedere fogli a volontà: l’importante è ricordarsi di restituirli tutti, usati o meno.
Il plagio (copiare) è punito dalla commissione con l’annullamento della prova ed anche in questo caso l’esame finisce qui. Evitate di consegnare un compito identico in tutto o in parte a quello di qualche altro candidato. Potrete uscire per soddisfare i vostri bisogni fisiologici, solo dopo le prime tre ore. Il candidato che lascia l’aula, uno solo per volta, deve depositare sul tavolo della commissione il proprio elaborato. L’orario d’uscita e di ritorno in aula sarà annotato da uno dei commissari. Anche nel caso che riteniate di aver completato la prova, non potrete allontanarvi prima del solito termine delle tre ore. Portatevi da casa cibo e bevande se pensate di averne bisogno perché non è possibile né allontanarsi dalla scuola per andarle a comprarle né tanto meno può entrare qualcuno a portarvele.

Il secondo scritto si svolgerà il giorno successivo, 23 giugno, Elettronica, ore 8.30.

Le modalità operative sono le stesse con la differenza che dovete ricordarvi di portare il Manuale e la calcolatrice non programmabile nel caso ne fosse concesso l’utilizzo (in genere è scritto tutto in fondo alla traccia).

La terza prova, è prevista per il 27 giugno. 

La Commissione definisce collegialmente la tipologia della terza prova scritta, in coerenza con il documento del consiglio di classe. Il Presidente stabilisce, per ciascuna delle commissioni (le due classi), l’orario d’inizio della prova, dandone comunicazione all’albo dell’Istituto. Non verrà, invece, data alcuna comunicazione circa le materie oggetto della prova.

Il punteggio complessivo delle prove scritte è pubblicato, per tutti i candidati di ciascuna classe, nell’albo dell’Istituto sede della commissione d’esame un giorno prima della data fissata per l’inizio dello svolgimento del colloquio di tale classe. Vanno esclusi dal computo le domeniche e i giorni festivi intermedi. Ogni candidato può richiedere alla commissione di conoscere il punteggio attribuito alle singole prove previa domanda apposita consegnata alla Commissione. Le singole valutazioni possono essere eventualmente visionate in sede di colloquio orale per ogni singolo candidato.  

Lo studente arriva all’orale conoscendo il punteggio complessivo delle tre prove scritte. Il colloquio ha inizio con un argomento o con la presentazione di esperienze di ricerca e di progetto, anche in forma multimediale, scelti dal candidato. Peso nella valutazione? Diciamo cinque, sei o sette punti sui trenta a disposizione. Tempo utile per l’esposizione, circa 10 minuti. L’esame prosegue con domande multidisciplinari nelle varie materie con riferimento costante e rigoroso ai programmi e al lavoro didattico realizzato nella classe durante l’ultimo anno di corso. Ẻ d’obbligo, inoltre, provvedere alla discussione degli elaborati relativi alle prove scritte. La commissione d’esame dispone di 30 punti per la valutazione del colloquio. Al colloquio giudicato sufficiente non può essere attribuito un punteggio inferiore a 20.

Prove scritte: massimo 45 punti, ripartiti in parti uguali tra le tre prove. La sufficienza è 10.

Colloquio: massimo 30 punti. La sufficienza è 20.

Credito scolastico: massimo 25 punti.

Bonus: massimo 5 punti. Per averlo è necessario un credito minimo di 15 punti ed un risultato complessivo nelle prove di esame pari almeno a 70 punti. Esso verrà attribuito, eventualmente, al momento dello scrutinio finale.

Voto finale: sufficiente 60, massimo 100, eccellente 100 con lode. La Commissione all’unanimità può motivatamente attribuire la lode a coloro che conseguono il punteggio massimo di 100 punti senza fruire della predetta integrazione del punteggio, a condizione che abbiano conseguito il credito scolastico massimo abbiano riportato negli scrutini finali relativi alla penultima e all’ultima classe solo voti uguali o superiori a otto decimi. Sia il credito sia il punteggio di ogni prova d’esame devono essere stati attribuiti all’unanimità.

Terminate le prove orali, si svolgeranno gli scrutini e verranno esposti i risultati… In bocca al lupo a tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


"Profe, ma un blog lei, quando lo apre?"
E allora, eccolo!
Qui si racconta cosa succede nelle mie classi, come il tutto venga vissuto da me, dai miei alunni e dai miei colleghi.
Non credo affatto che la "scuola vera" sia solo quella che sprezzantemente occupa le prime pagine dei giornali con alunni somari e maleducati, con insegnanti depressi e fannulloni, non è questa la verità! Voglio raccontare la mia.
Buona lettura a tutti.

CARPE DIEM

giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivi

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: